Líthica: cave di pietra e sentieri labirintici

A pochi chilometri dal centro di Ciutadella, alla prima rotonda che incontri sulla statale ME-7 arrivando da Mahon, un cartello stradale indica “Pedreres de s’Hostal”. È comunemente nota come Líthica, il cui nome deriva dal termine greco lithos che significa pietra.

Le “pedreres” o “canteras”, letteralmente cave, sono spazi dove si estrae il marés, la pietra delle Baleari che per secoli, e ancora oggi, è stata utilizzata per costruire edifici pubblici e privati.

La vostra anima è un paesaggio squisito, P. Verlaine Condividi il Tweet

Anche la Casa de Cultura a Ciutadella è un edificio in marés
Marés, la pietra delle Baleari, dura e porosa

Grazie alla sua porosità e alla sua durezza variabile, il marés è facile da tagliare e lucidare. Bianca appena estratta, nel tempo assume tonalità dorata e vicino al mare diventa scura.

Passeggiando nei centri storici di Ciutadella e Mahon, noti subito le grandi pietre chiare che ricordano un po’ il nostro tufo. Poi, come accade alla maggior parte delle nostre risorse naturali, anche questa materia prima o poi finisce e le cave si sono esaurite.

Pedreres de s’Hostal, uno spazio scolpito nel paesaggio

Líthica, uno spazio scolpito nel paesaggio: i colori della pietra
Così è per Líthica, insieme di misteriosi paesaggi scolpiti nella roccia che nel tempo sono diventati sculture nel paesaggio. Non si sa quando a Minorca sia iniziata l’estrazione del marés. Sappiamo che è un’attività secolare e l’estrazione qui è terminata nella primavera del 1994.

Stavano per scomparire sotto tonnellate di rifiuti le cave dismesse. Per fortuna sono state recuperate da Líthica – fondazione privata senza scopo di lucro nata dall’urgente necessità di evitare la scomparsa delle cave di marés di Minorca -, e sono state trasformate in un centro culturale e naturalistico. Così, oggi possiamo viaggiare nel sottosuolo della terra, osservando la durezza del lavoro dell’uomo, la bellezza del paesaggio e la memoria dell’isola in modo naturale.

Il paesaggio era come un verso di poesia che crea se stesso, V. Wolf Condividi il Tweet

Muri verticali modellati dall’uomo

Líthica è divisa in due spazi per le diverse tecniche di estrazione del marés: le antiche cave manuali e quelle meccaniche più moderne. È difficile pensare che dove una volta la terra era aperta con le mani e tanta, tantissima, fatica, oggi sorge un paesaggio misterioso e sorprendente. Un paesaggio rinato rispettando cave di pietra, giardini e sentieri labirintici.

La visita a Líthica è una bellissima esperienza in uno scenario di contrasti e di geometrie improbabili. È una passeggiata sopra a immensi muri verticali che separano la zona superiore, battuta dal vento e con una vegetazione povera, da quella interna, ideale per la coltivazione. Entrambi i mondi, collegati da gradini irregolari, lasciano il passo a spazi cubici, giardini naturali e artificiali.

Contrasti, colori, geometrie improbabili

Al centro della cava, Lithíca possiede un enorme labirinto in marés

Un mondo di pietra e vegetazione dove regnano silenzio e armonia. All’interno, un variegato circuito botanico e un gioco labirintico che comprende il Giardino Medievale e il Labirinto Vegetale. Tutto questo sotto una struttura e un ordine geometrico che contribuiscono all’equilibrio dei sensi.

L'unico vero viaggio verso la scoperta non consiste nella ricerca di nuovi paesaggi, ma nell'avere nuovi occhi, M. Proust Condividi il Tweet

E ancora, avanti fino al grandissimo labirinto di pietra, marés appunto, al centro della cava, inaspettato divertimento di grandi e piccoli. Gli enormi “buchi”, squadrati e profondi, sono spazi che, grazie a un’eccezionale acustica, in estate sono gli ideali palcoscenici per concerti e rappresentazioni teatrali del Festival Pedra Viva.

Una gigantesca opera di “Land Art”

Tra i misteriosi paesaggi scolpiti nella roccia si nascondono giardini e fontane

A Líthica trovi anche l’ospedale degli animali selvatici o Centro di recupero della Fauna Silvestre creato e gestito dal GOB che abbiamo raccontato in questo articolo.

Nel 2017, inoltre, le Pedreres de s’Hostal sono state dichiarate di interesse etnologico, come parte del patrimonio storico di Minorca. Il progetto Líthica ha ricevuto il riconoscimento di Hispania Nostra per la riabilitazione del patrimonio e l’intervento nel paesaggio.

Ecco perché ti consigliamo di visitare questa sorta di gigantesca opera di “Land Art”: rimarrai affascinato come noi! Se è così, suggerisci questo articolo ai tuoi amici e seguici sulla pagina Facebook.

Possa il vostro cammino essere tortuoso, ventoso, solitario, pericoloso e portarvi al panorama più spettacolare, E. Abbey Condividi il Tweet

Líthica, informazioni pratiche

Indirizzo. Camì Vell km 1, Ciutadella de Menorca, Telefono +34 971 481 578, e-mail shostal@lithica.es

Apertura. Da aprile a ottobre, aperto dalle 9.30 alle 14,30 e dalle 16.30 al tramonto, domenica dalle 9.30 alle 14,30. Novembre e dicembre, febbraio e marzo, aperto dalle 9,30 alle 14,30. Chiuso gennaio.

Biglietti di entrata. Adulti 6 €, over 65 3 €, under 12 gratuito.

Nino
mandatoantonio0@gmail.com

Ho letto libri, ne ho pubblicati, ho riempito la mia vita delle parole degli altri. È arrivato il momento di raccontare e scrivere con le mie parole.