I nostri consigli per la tua vacanza a Minorca

Organizzare una vacanza a Minorca

Organizzare una vacanza a Minorca è semplice. Qualche idea chiara e la consuetudine a navigare online ti consentiranno di gestire da lontano dubbi e quesiti di viaggio. Quali? Dal clima alla scelta dell’alloggio, dall’abbigliamento a come muoversi sull’isola. Guarda se tra i consigli raccolti in questo articolo trovi risposte alle tue domande e per qualsiasi necessità, siamo qui: scrivi o chiama!

Com’è il clima?

Il clima di Minorca è mediterraneo: l’inverno è mite e l’estate piena di sole con brezze costanti che attenuano le temperature diurne. Non fa mai caldissimo. Il periodo migliore per una vacanza a Minorca va da maggio a ottobre. Anche aprile e novembre ti riservano temperature gradevoli e la possibilità di fare bagni in un mare cristallino e dalle sfumature caraibiche.

Come raggiungere Minorca

A Minorca arrivi in aereo, via terra e via mare da Barcellona. I tempi però si dilatano. Le compagnie che operano il collegamento Barcellona-Minorca via mare sono Transmediterranea  e Balearia. Prezzi, orari e prenotazioni sui loro siti e sulla piattaforma ferries.it.

Da metà maggio a fine settembre l’isola è collegata al resto del mondo con voli diretti. Da Italia (1 ora e mezza circa), Francia, Gran Bretagna e Germania varie compagnie europee garantiscono più voli al giorno a “prezzi ragionevoli”, talvolta persino sorprendentemente bassi. Tanto per darti un’idea, un buon prezzo per un volo A/R Milano-Minorca è attorno ai 150 euro. Da ottobre a maggio il viaggio prevede una sosta obbligata a Barcellona.

Noi cerchiamo le offerte più comode e convenienti su Skyscanner: è una piattaforma affidabile che offre una panoramica su tutti i voli e ti rimanda a compagnie aeree o operatori per l’acquisto dei biglietti.

Minorca, consigli per vacanze top

Alloggiare? C’è solo da scegliere!

Le soluzioni per dormire sono tante e diverse. “Hotel de incanto e d’interior“, boutique hotel, alberghi turistici, villaggi, b&b, agriturismi, appartamenti, ville con giardino e piscina. Sono reperibili online sui consueti portali di turismo come Booking, Airbnb, TripAdvisor, Rentalia.  In alta stagione è spesso richiesto un soggiorno minimo di tre giorni o anche di una settimana.

Come vestirsi? Informale e sportivo

Viaggia leggero! Un bagaglio a mano è più che sufficiente. Qui tutto è informale e possono bastare le solite cose da mare e un golf o una giacca a vento per la sera che a volte è tiepida e ventilata. Non dimenticare un paio di scarpe da camminata, utili per raggiungere alcune bellissime spiagge.

Come muoversi sull’isola

Minorca non è piccola. Tra la capitale, Mahon, e Ciutadella ci sono 50 chilometri. Raggiungere spiagge e calette, in particolare se vuoi vederne più di una – sono ben 134 ed è un peccato non vederne almeno una al giorno -, richiede essere motorizzati. Noleggiare un’auto è quindi (quasi) indispensabile. In aeroporto sono presenti le principali agenzie di noleggio internazionali e diverse locali. I prezzi sono ragionevoli e si può prenotare online. Una piattaforma efficiente è doyouspain.

Oltre all’auto il mezzo di trasporto principe è lo scooter. Le distanze sono comunque contenute, le strade belle e il traffico apparentemente inesistente. Parcheggiare a Mahon d’estate o nei parcheggi pubblici e gratuiti delle spiagge però non è facile in luglio e agosto o dopo una certa ora. Puoi noleggiare con facilità scooter a Mahon, Ciutadella e altre località dell’isola.

Spostarsi con il servizio pubblico

Sono tre le imprese private che organizzano trasferimenti in autobus a Minorca: Tmsa, Torres, Autosfornells. I biglietti li compri direttamente sugli autobus. Su MOU-T Menorca, portale del Dipartimento dei trasporti del Consiglio Insulare di Minorca, trovi tante informazioni utili. Dal 1° giugno 2018 puoi arrivare a Macarella e al faro de Favàritx solo in autobus.

A te la scelta di spiagge, passeggiate, sport di terra e di mare. E ancora, soste nei ristoranti lungo il porto di Mahon e di Ciutadella, cene a base di tapas (i tipici piattini spagnoli che si condividono) in locali più o meno tradizionali e di ogni dimensione.

Avrai modo di godere il riposo e la quiete in un luogo che fa di educazione, gentilezza, pulizia, ordine e soprattutto bellezza il proprio vangelo. Allora capirai perché tanti, come noi, hanno deciso di cambiare vita e di vivere a Minorca. Guarda questo video (strepitoso!) e seguici su Facebook e Instagram!

Nino
mandatoantonio0@gmail.com

Ho letto libri, ne ho pubblicati, ho riempito la mia vita delle parole degli altri. È arrivato il momento di raccontare e scrivere con le mie parole.

Lascia un commento