Sam Lake, inglese, è l'ideatrice del Trebaluger Equine Rescue Centre

Scopri il Trebaluger Equine Rescue Centre

A 10 minuti a piedi da Casa Bonita c’è un luogo speciale: è il Trebaluger Equine Rescue Centre. È il primo, forse l’unico a Minorca, rifugio per cavalli e asini maltrattati e abbandonati. L’ha ideato Samantha Lake, per tutti Sam.

Nata a Leicester (Gran Bretagna), Sam nel 1987 sceglie di venire a Minorca per amore: la famiglia di Paul, il ragazzo che diventerà suo marito, vive a Binibeca. A Minorca nasce sua figlia India e Sam si avvicina al mondo dei cavalli quando la bimba a 8 anni inizia a montare.

Un giorno trova una cavalla abbandonata, cerca il proprietario, la compra per 200 euro, la porta alla scuola di equitazione di India e le regala gli ultimi anni di felicità. Poi, salva un altro cavallo che, con amore e pazienza, si trasforma in un bellissimo animale e oggi vive felice al Trebaluger Equine Rescue Centre.

Nel montare un cavallo, noi prendiamo in prestito la libertà, H. Thomson Condividi il Tweet

Perché nasce il Trebaluger Equine Rescue Centre

Il Trebaluger Equine Rescue Centre è il primo rifugio per cavalli e asini

Nella cultura britannica cavalli e asini sono come cani e gatti: fanno parte della famiglia!

Sam si guarda attorno e constata che…

«A Minorca non c’è un posto dove la gente possa imparare a capire e a fidarsi di questi bellissimi animali. Tanti dicono “mi piacciono i cavalli ma ho paura”. Voglio che persone e cavalli imparino a fidarsi gli un degli altri. Voglio dare un’altra fine ai tanti animali che, una volta terminato il loro scopo, sono abbandonati o condannati al macello».

Così, dopo lunghe e minuziose ricerche, Sam trova lo spazio in affitto a Trebaluger. Nel 2018 crea un’associazione no profit con Vicki Hutchinson e Katharine Larholt (per tutti Kate), due amiche inglesi, e intanto gli animali salvati da maltrattamenti e abbandoni sono 19 tra cavalli e asini.

Vendete la mucca, comprate la pecora ma non privatevi mai del cavallo, proverbio irlandese Condividi il Tweet

Come funziona il rifugio per equini di Trebaluger

Sam, Vicky, Kate e un piccolo gruppo di intrepidi volontari si prendono cura ogni giorno dei 19 animali presenti al rifugio che, come puoi vedere sul sito  arrivano in condizioni pietose e, poc a poc, grazie a amore, pazienza, dedizione ritrovano la salute e la fiducia negli esseri umani. Sam aggiunge:

«Il nostro obiettivo è quello di garantire che ogni animale abbia l’opportunità di vivere il resto dei suoi giorni in un ambiente amorevole e sicuro. Cavalli e asini vivono liberi. Così li incoraggiamo a mostrare il loro comportamento naturale e a fare amicizia».

Al Trebaluger Equine Rescue Centre ogni giorno giungono segnalazioni di animali in difficoltà. Sam vorrebbe accettare tutti ma occorrono 3.000 euro al mese solo per sfamare quelli già presenti. E… come aiutare il rifugio per cavalli e asini?

Gli asini preferirebbero la paglia all’oro, Eraclito Condividi il Tweet

Tempo e denaro: ecco come aiutare il centro

Anche gli asini trovano cure e cibo al Trebaluger Equine Rescue Centre

Due le soluzioni a scelta per contribuire al Trebaluger Equine Rescue Centre: donare tempo e donare denaro. Nel primo caso aiutiamo Sam, Vicky, Kate nella gestione quotidiana del centro, pulizia e somministrazione dei pasti. Nel secondo caso, possiamo donare da un minimo di 20 a 150 euro e così via al mese, diventando così sponsor di un animale.

La sponsorizzazione è anche una bella idea per un regalo originale. Sponsorizzare un cavallo o un asino significa garantirgli cibo, fieno, cure mediche, cura degli zoccoli e tutte quelle piccole cose di cui gli animali hanno bisogno ogni giorno. Significa ricevere un certificato, una foto con la sua storia e aggiornamenti video di un cavallo o un asino che diventa un amico in più a Minorca. C’è un semplice modulo da compilare in fondo a questa pagina.

Non solo rifugio: anche scuderia, scuola, gite

Il Trebaluger Equine Rescue Centre funziona anche come scuderia dove è possibile tenere il proprio cavallo. Come scuola di equitazione per bambini e adulti, con lezioni individuali e di gruppo. Per informazioni telefonare al +34 689802108 e +34 609534365.

Con i cavalli del centro è anche possibile fare escursioni adatte a ogni livello di preparazione: dalle dolci passeggiate pianeggianti alle cavalcate sulla spiaggia (no da maggio a ottobre) e alle più avanzate passeggiate costiere sul Camí des Cavalls. È necessaria la prenotazione telefonando ai numeri sopra.

L’aria del Paradiso è quella che soffia tra le orecchie di un cavallo, proverbio arabo Condividi il Tweet

Trebaluger Equine Rescue Centre: rifugio, scuderia, scuola di equitazione, escursioni

Cosa fare se vedi un animale in difficoltà

Prima di sollecitare un possibile intervento del Trebaluger Equine Rescue Centre, è fondamentale segnalare la situazione alla polizia locale.

Infatti, spiega Sam:

«non possiamo salvare un animale maltrattato o abbandonato finché non ci è stata concessa l’autorizzazione ufficiale della polizia o non siamo stati contattati direttamente dai proprietari».

Questo è l’unica strada da prendere se abbiamo a cuore il benessere dei cavalli e asini dell’isola. Sam aggiunge:

«Una volta stabilito il contatto con la polizia, è possibile denunciare i proprietari, se uno vuole. Questo potrebbe essere il modo di inviare un chiaro messaggio: la crudeltà sugli animali non sarà più tollerata a Minorca».

Tre donne – Sam, Vicky, Kate -, che credono in un mondo migliore e si adoperano, ogni giorno, affinché questo loro sogno sia realtà. Che occasione imperdibile per una sognatrice come me! Condivido questo sogno, m’impegno a raccontarlo ai quattro venti e a diffonderlo tra ospiti e amici di Casa Bonita!

PS. Segui la pagina Facebook del Trebaluger Equine Rescue Centre – e già che ci sei metti un “mi piace”! -, perché al centro organizzano anche party, picnic, feste di compleanno, lezioni di yoga con Daniela Iannaccone… tra cavalli e asini, off course!

Gloria
gloria.vanni@libero.it

Giornalista e blogger, amo esplorare, viaggiare, ospitare, creare connessioni. Amo prendermi cura di persone e luoghi. Da marzo 2017 vivo a Minorca.

Lascia un commento